PROGRAMMA LUNARTE 2017 / EDIZIONE 11

Sabato 26 agosto 2017 dalle ore 20:00 fino a notte fonda nei cortili, nei vicoli e nelle piazze del borgo Carani di Casanova di Carinola (CE).

 

11 come 11. 11 anche come 1 e 1
Come un universo che incontra un altro universo.
Un borgo di un paesino incontra una notte di esperimenti. Un pittore incontra un poeta.
Poi un fotografo incontra un attore.
Uno spettatore incontra una storia. Una canzone una canzone e uno spettacolo un altro spettacolo.
Shakespeare incontra una strega.
Una compagnia incontra un’anziana signora.
Una luna incontra un cortile.

INGRESSO GRATUITO A TUTTI GLI SPETTACOLI

 


PERFORMANCE TEATRALI E CONCERTI

 

NEI CORTILI
Le performance nei cortili hanno, quasi tutte, la durata di 20 minuti circa, e si svolgeranno almeno due volte nel corso della serata

 

NICHEL-Aperto ore 21.35 – 23:00
R di Clitennestra (Agamennone di Eschilo) con Rita Russo
La trappola di Möbius (I fisici di F. Dürrenmatt) con Maria Guida
Tempo (Il malinteso di A. Camus) con Alfonso Dauria
ideazione e regia: Pino Carbone
suono: Francesco Bianco
aiuto regia: Diana Cusani
produzione: L’oasi – Progetto NICHEL

Dialoghi della drammaturgia classica e moderna, dove uno dei due personaggi è presente e l’altro è semplicemente assente. Il suono che produce una solitudine creativa. Un isolamento artistico.
Una direzione, una scelta, aperta, frontale, diretta, che si rivolge al fuori. Che direziona fuori dalla scena la comunicazione.

 

NICHEL-Chiuso ore 22.45 – 23.45
Sinfonia Capuleti (Romeo e Giulietta di W. Shakespeare) con Anna Carla Broegg
L’uomo della radio (Antonio e Cleopatra di W. Shakespeare) con Vito Gabriele Cioffi
Proposta n. 5 (Medea di Euripide) con Silvia Scarpa
ideazione e regia: Pino Carbone
suono: Francesco Bianco
aiuto regia: Diana Cusani
produzione: L’oasi – Progetto NICHEL

Dialoghi della drammaturgia classica e moderna, dove uno dei due personaggi è presente e l’altro è semplicemente assente. Il suono che produce una solitudine creativa. Un isolamento artistico.
Una direzione, una scelta, chiusa, dove tutto avviene all’interno della scena. La comunicazione è indiretta, perché è rivolta al suo interno.

 

RITRATTO ore 22.20 – 23.45
una performance teatrale e fotografica di e con Luigi Morra e Francesco Nerone
liberamente ispirata a “Il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde
musiche e suono: Camera
assistente alla regia: Serina Stamegna
produzione: Etérnit / Lunarte

L’artista è il creatore di cose belle. Rivelare l’arte e nascondere l’artista è lo scopo dell’arte”.
Lo dice Oscar Wilde, nella prefazione di Dorian Gray.
Fermare ciò che si muove per provare a muovere ciò che è fermo. Ritratto è un racconto che vuole diventare un’immagine, prima che succeda il contrario. Uno studio, meglio ancora un set.
Un progetto speciale che nasce insieme a Lunarte 11, attraversando due giornate di residenza creativa, a Casanova di Carinola, incentrate su due binari che provano ad incontrarsi, uno teatrale e uno prettamente fotografico.

 

DI AMORE E DI DISTANZA ore 22.20 – 23.45
Performance concerto di Cristina Vetrone (Assurd)

Cristina Vetrone, voce e organetti delle Assurd, presenta un breve e intenso concerto dedicato a questioni che fanno incontrare amore e distanza. Una serie di brani sia originali che della tradizione campana, per un viaggio tra migrazioni e nostalgie, guidato da una voce violenta e struggente e da sonorità malinconiche e potenti.

 

RUMORE BASSO ore 21.35-23.00
Performance concerto di Agostino Pagliaro (Camera)

Progetto musicale ideato e curato da Agostino Pagliaro, musicista dei Camera. Un concerto che include la rivisitazione di brani appartenenti alla tradizione del rock britannico e a quella popolare del Meridione di Italia. Sul palco, il musicista usa un basso, un violoncello, alcuni particolari effetti analogici e dei loop. Il Rumore è un tratto distintivo importante nell’opera e si configura come strumento poetico. La parola “basso”, invece, unisce esperienze apparentemente diverse ma umanamente e politicamente molto simili. La resistenza artistica al modello Thatcheriano, nell’Inghilterra degli Ottanta, incontra la resistenza di un Meridione italiano che non vuole piegarsi al neoliberismo. L’amore è il sentiero che unisce le due storie, la forza capace di rivoluzionare le umanità, le passioni e le disperazioni. Amore è una parola in grado di rivoluzionare la morte.

 

PARTITA PENELOPE, una Odissea contemporanea 4 repliche da dieci minuti dalle ore 21.00
Poesia e performing art con Simone di Biasio e Stefania Romagna
Evento in collaborazione con il Festival poetico ‘verso Libero’ di Fondi, un’idea dell’associazione Libero de Libero

Perché Ulisse chiama a gran voce il nome di Penelope quando è appena tornato a Itaca? La sua sposa non c’è più. Lo ha “piantato”, il letto che l’aveva “radicata” su quell’isola ora è sciolto e lei è libera di partire. Dal monologo di Simone di Biasio, la performing art di Stefania Romagna dà corpo e colore alle parole di questo eroe spaesato e fragile.

 

NAPULAKTION ore 22.20 – 23.30
Una performance di Officine Kulturali Aurunke

Napulaktion è una performance-avventura linguistica barocca in cui il nero metropolitano gioca con la storia. Uno sguardo impietoso che scopre ambivalenze, contaminazioni ma che infine non può non tradire un’immaginario ineliminabile di bellezza e d’amore. Così corpi, voci e musiche parlano di passione, di partenze, di ossessioni e di sordidi luoghi di naufragio.

 

UFFICIO PAROLE SMARRITE unica replica ore 21.30
Uno spettacolo della compagnia IL TEATRO NEL BAULE
Spettacolo rivolto ad un pubblico di bambini e ragazzi

C’è chi perde la pazienza, chi il treno, chi gli occhiali, l’ombrello, la strada…e c’è anche qualcun’altro che perde le parole proprio il giorno di Natale. E dove vanno a finire tutte le parole perdute? All’ufficio parole smarrite, dove uno strano e impolverato personaggio tra scatole e libri, aspetta da anni che qualcuno le reclami. Finalmente un giorno, bussano alla porta… E’ qualcuno che ha perso una parola importante in un giorno importante, ritrovarla però non sarà così semplice…
Una storia che ha diversi momenti interattivi: sono i bambini a riempire le scatole di parole che gli attori utilizzano durante la narrazione e al termine, come regalo, ogni bambino donerà una parola importante, da non perdere mai, all’ufficio parole smarrite.

 

CRASH, PERFORMANCE PER SPETTATORE SOLO
repliche ogni 8 minuti dalle ore 22.00
di e con Deborah De Bernardi Jagarineč
La performance è rivolta ad un solo spettatore e sarà replicata più volte nel corso della serata.

Crash ⟨kräš⟩ s. ingl. [der. di (to) crash «crollare, fracassarsi, schiantarsi, precipitare», voce di origine onomatopeica], usato in ital. al masch. e come interiez. – 1. a. nel linguaggio dei fumetti, forma grafica, che riproduce e indica il rumore di qualcosa che cede di schianto, si rompe e sim. b. s. m., fam. Il rumore di un urto o uno schianto: all’improvviso ho sentito un c. tremendo. 2. s. m., fig. a. Crollo di borsa; crac. b. Nel linguaggio dell’informatica, blocco improvviso e irreparabile di un sistema di elaborazione dovuto al cattivo funzionamento dei programmi applicativi, del sistema operativo o delle apparecchiature. c. slang. Imbucarsi senza invito.

 

NEI VICOLI
Le performance nei vicoli si svolgono lungo il percorso, alcune itineranti, altri in luoghi specifici

 

TRE CUNTI E TRE CANZONI dalle ore 21.00
Spettacolo itinerante con Alberto Ferraro e Carlo Roselli

Brevi momenti, lazzi e racconti, legati al mondo delle maschere.

 

UNDICI dalle ore 22.00
Spettacolo itinerante di e con Eduardo Ricciardelli
produzione Teatraltro / Lunarte

Undici stazioni o fermate. Undici performance brevi itineranti nel borgo. Undici posizioni come su un campo da calcio.
Undici uomini e personaggi tra maschere, clown e piccole storie legate al territorio di Casanova di Carinola. Undici indizi. Undici lune.

 

NELLE PIAZZE
Nelle piccole piazze del borgo, si svolgono brevi performance teatrali e il concerto di chiusura

 

MAB A’ JANARA ore 1.30
Tratto da “Romeo e Giulietta” di W. Shakespeare
di e con Pasquale Passaretti
accompagnamento musicale di Amato De Ruosi
produzione: Etérnit / Lunarte

Il monologo di Mercuzio sulla levatrice delle fate è sicuramente uno dei momenti più suggestivi di “Romeo e Giulietta”. Mab ha moltissimi punti in comune con la janara, creatura fantastica appartenente alla cultura popolare campana. Entrambe sono solite di notte accanirsi contro gli sventurati dormienti facendo ricorso a svariati sortilegi magici. Partendo da queste somiglianze, il monologo shakespeariano viene riscritto e tradotto nel dialetto casanovese assumendo una dimensione popolare e quindi familiare.

 

’O ROM
Concerto di chiusura ore 24.30

Gli ’O Rom nascono nel 2008 da un idea di Carmine Guarracino e Carmine D’Aniello, due musicisti napoletani con diverse esperienze nella world music. Nasce così il primo e più longevo esperimento di fusione tra musiche tradizionali dell’Italia Meridionale, musiche balcaniche e di tradizione rom, un vero e proprio progetto di integrazione che prova ad attirare l’attenzione sul tema della discriminazione e dei pregiudizi. Un percorso musicale che negli anni ha visto farne parte diversi musicisti di etnia Rom e di nazionalità Rumena, tra cui Ilie Pipica (violino), Nelu Tita (fisarmonica), Doru Zamfir (fisarmonica), Ilie Zbanghiu (contrabbasso), Costel Lautaru (fisarmonica), Valentin Lautaru (contrabbasso). Ne è scaturita una miscela di sonorità originale, suggestiva ed esplosiva! Nel 2012 gli ’O Rom hanno pubblicato il loro primo lavoro discografico, “Vacanze Romanes” (Terre in Moto), che è un vero e proprio live in studio, senza soluzioni di continuità tra un brano e l’altro, per restituire all’ascoltatore la freschezza e la visceralità delle inconfondibili performance della band. Un’avventura tra Campania, Est europeo e Mediterraneo: 11 pezzi vorticosi e raffinati, con reminiscenze swing, gipsy e manouche.

myspace spotify

MOSTRE E ALTRI PROGETTI

 

Lungo il percorso tra vicoli e cortili.
Dalle ore 20:00 fino a chiusura.

 

CRACK!//UE’presentano
Anche per l’edizione 2017, per il quarto anno consecutivo, CRACK! Fumetti Dirompenti partecipa a Lunarte. Una collaborazione, quella di quest’anno, arricchita delle opere di una masnada di artisti della rete di Crack!, presenti anche al nuovo festival underground napoletano, UE’ – Underground Eccetera.

Tra gli artisti che esporranno le loro opere:

Bambi Kramer (Roma 1981). Famosa per i suoi lunghissimi rotoli disegnati, esposti e tagliati al metro nel corso delle sue mostre, esordisce nel 2011. Ha pubblicato: Trude Rabbit (2012), Ragdolls parade (2014) per Fortepressa. È presente in Metakatz (2013) e nel volume 3DC – Le Dernier Cri en 3D (2011). Dal 2016 cura la rivista GROW. Dal 2011 partecipa a CRACK! e nel 2014 ne disegna il manifesto. Quest’anno ha realizzato il manifesto di UE’, festival off del COMICON di Napoli. Una sua storia è nel volume collettivo La rabbia (Einaudi Stile Libero 2016), a cura di Valerio Bindi e Luca Raffaelli. Collabora con Lunarte da qualche anno realizzandone di volta in volta l’immagine/logo dell’edizione.

AYA Lab (Laboratorio Espositivo Scugnizzo Liberato di Napoli) con:

  • Gennaro Rapa (Napoli 1986). Coltiva la passione del disegno fin da piccolissimo. Il suo lavoro è rivolto prevalentemente alla creazione di illustrazioni, vignette, strip e storie brevi, con sporadiche avventure nel mondo della stampa serigrafica.
    Lorenza Rossi (Napoli nel 1990) Durante gli studi si interessa al mondo delle stampe serigrafiche e xilografiche, cosa che tutt’ora continua a fare cercando di far conoscere i propri lavori partecipando a festival e incontri con altri artisti inerenti alle stampe, fumetti e grafiche.
    Valerio Sannino (Napoli, 1988) Il suo interesse si concentra su Type Design, Lettering e Calligrafia, oltre che sulla stampa artigianale come la serigrafia e sulla rilegatura a mano. Attualmente inoltre si occupa di brand identity per giovani aziende e studi sperimentali personali sulle forme del linguaggio.
    Francesco Russo (Napoli 1989). Si appassiona al mondo dell’incisione, sperimentando la linografia e la serigrafia. In collaborazione con altri artisti partenopei fonda nel 2017 AYAlab, laboratorio di arte presso lo Scugnizzo Liberato.

Churma Lab: Laboratorio di serigrafia del CSOA Forte Prenestino di Roma, interviene con le sue produzioni e per un laboratorio di serigrafia live nelle strade di Lunarte.

Gas (Alessandra Oricchio) Le sue illustrazioni presentano profili essenziali, rappresentati da linee sottili e pochi colori. L’arte di Gas si identifica nelle forme femminili in un limbo tra la realtà del presente e il repentino ritorno alla coscienza infantile.

Mini Popa (Vittoria Persa) animatrice e musicista visionaria e sperimentale, viene da Sarno. Grazie ad una loopstation crea le sue canzoni con sola voce e le usa come colonne sonore dei suoi lavori di animazione.

 

RAPSODIA

Rapsodia è un network internazionale di artisti e scrittori che collaborano alla creazione di un magazine cartaceo a cadenza trimestrale. La prima edizione cartacea, ad edizione limitata, fu presentata proprio in occasione della 9° edizione di Lunarte. Quest’anno Rapsodia, giunta al quarto anno di attività, ritorna in edizione limitata per il pubblico di Lunarte, assieme ad altri prodotti di artisti del network.

 

AABC presenta
SPAZIO ENDORPHINES
Toccare le menti, colorare gli animi

Spazio espositivo. Quattro anni di attività riassunti in immagini, video e suoni.

 

ANTHEA
Sul tema del riciclo creativo, I ragazzi della comunità Anthea presenteranno i loro lavori realizzati con materiale riciclato.

 

CONOSCERE E’ NECESSARIO… PER NON FERIRE, PER AMARE!
A cura di Simona De Nunzio e Angelo Apicerni
La mostra racconta delle esperienze di diverse famiglie conosciute durante una delle settimane estive organizzate dall’associazione Vita21 e che rientrano nel progetto trentennale del dottor Lagati, da anni al fianco delle famiglie di persone con sindrome di Down. Un cammino fatto di immagini e parole, sintesi delle esperienze di tante famiglie, che vuole far riflettere, vuole far conoscere.

 

CORPO DI NAPOLI
Salvatore Iasevoli, dell’associazione Corpo di Napoli, proporrà durante la notte del 26, un laboratorio sul tamburo e sulla costruzione degli strumenti della tradizione musicale.

 

RESIDENZA RITRATTO
Il 20 e il 22 agosto, il borgo Carani, ospiterà due giorni di residenza artistica condotti da Luigi Morra e dal fotografo Francesco Nerone, legati al progetto “RITRATTO”. Le due giornate saranno incentrate su un lavoro teatrale e fotografico, che coinvolgerà prevalentemente gli abitanti di Carinola e dei paesi limitrofi, con l’intento di produrre materiali che confluiranno nella performance “RITRATTO”, il 26 agosto all’interno di Lunarte.

 

VILLAGGIO LUNARTE
Il 24 e il 25 agosto, nell’attesa di LUNARTE, a Casanova di Carinola, nella suggestiva cornice di “Fontana Vecchia” sarà allestito uno spazio ricreativo e di incontro. Il 24 suoneranno dal vivo i Malerva, gruppo che unisce la tradizione popolare alla sperimentazione e il 25 il pubblico potrà assistere a piccole performance e presentazioni legate alle attività e agli spettacoli in programma. In entrambe le serate sarà presente un’area bar e sarà dedicato uno spazio alla cucina tipica locale.

 

MANGIARE E BERE A LUNARTE

 

LUNARTE dedica una particolare attenzione al profilo enogastronomico in collaborazione con tre partner esclusivi:
La gastronomia è curata da SAPORE, che sarà presente con una serie di prodotti tipici legati alla tradizione culinaria del territorio.
Il bar è affidato a LE ANFORE CAFÉ, attività del territorio già da tempo partner di Lunarte e impegnata da sempre nella promozione di eventi turistici, artistici e culturali.
Come ogni anno non mancherà la possibilità di accompagnare il cibo con una selezione di vini. In uno spazio dedicato e allestito dal Circuito Culturale Caleno, quest’anno, Lunarte propone una selezione di vini prodotti dalle cantine TELARO, partner di questa edizione.

 

STAFF E CONTATTI

Lo staff direttivo di LUNARTE è composto da membri di Circuito socio-Culturale Caleno e di Etérnit:
Pasquale Passaretti, Antonella Bovino, Luigi Morra, Michele Sorvillo, Mario Piccirillo, Salvatore Marrafino, Valeria Zecchini, Amato De Ruosi, Agostino Pagliaro.
L’iniziativa si avvale inoltre della cooperazione di tutto lo staff delle due associazioni, della collaborazione di CRACK! fumetti dirompenti, della partecipazione di tanti volontari del territorio e di una fitta rete di partner.
DIREZIONE ORGANIZZATIVA
CCC
organizzazione@lunartefestival.it
DIREZIONE ARTISTICA
Etérnit / CCC
direzioneartistica@lunartefestival.it
UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE
Valeria Zecchini
ufficiostampa@lunartefestival.it
+39 320 3398975
www.valeriazecchini.it
LOGO 2017
Bambi Kramer
www.bambikramer.ink
INFORMAZIONI
info@lunartefestival.it

 

LUNARTE
è un’iniziativa di:
Circuito Culturale Caleno

In collaborazione con:
etérnit
Con il patrocinio di:
Comune di Carinola

SPONSOR
Sapore
Telaro
Caseificio La Reale
fattoria Pagano
Galbano Gaetano
Le Anfore Cafè
lido Sinuessa lounge bar
Farmacia Panaro
Elysium village
Madness lounge bar
Angels pizzeria
Comedilia Colardo
sub-agente Daniele Di Gregorio/Unipol Sai Assicurazioni

PARTNER
CRACK!
UE’
La Bagarre Onlus
Teatraltro
AYAlab
Churma Lab
Jb sound
Corpo di Napoli Onlus
Ass Cult Libero de Libero
Ass Amici della Biblioteca di Carinola
Festival poetico Verso Libero
Meticcia Crew
Ass Anthea Onlus

MEDIA PARTNER
Caserta Musica & Arte
MArteMagazine
The Report Zone
Rapsodia
Radio Default