Programma 2015

logo_lunarte2015

PROGRAMMA  LUNARTE 2015 / EDIZIONE 9

Sabato 22 agosto 2014 dalle ore 20:00 fino a notte fonda nei cortili, nei vicoli e nelle piazze del borgo Carani, Casanova di Carinola (CE).

INGRESSO GRATUITO A TUTTI GLI SPETTACOLI

TEATRO
le performance si svolgeranno ognuna in un cortile diverso, avranno la durata di 20 minuti circa e replicheranno almeno due volte nel corso della serata

NAPOLI, 1647. RIVOLUZIONE D’AMORE

una produzione: Mutamenti/Teatro Civico 14
con: Ilaria Delli Paoli
regia: Roberto Solofria
testo: Marilena Lucente
costumi: Ortensia de Francesco
scene: Antonio Buonocore

Durata: 20 minuti circa / Orari: 21:45 – 23:00

Napoli-1647-n7-Foto-Marco-Ghidelli

foto Marco Ghidelli

La storia di Bernardina Pisa, giovane, volitiva, sfacciatamente bella, piena di passione e di amore per Masaniello, protagonista insieme al marito e ai napoletani di una indimenticabile rivoluzione. La loro storia si intreccia con quella della città, una città piena di storie come Napoli. Il loro istintivo slancio politico accese speranze e infiammò il popolo, ma generò anche equivoci e incomprensioni, che fecero di loro prima due eroi, poi due esseri umani travolti e feriti dagli eventi. Un testo interiore, che scombussola, che fa star male, che fa vivere sensazioni mai piatte, e che lascia una scossa elettrica perpetua durante tutta la lettura.

LE VOCI DI GIO’

una produzione: Teatraltro in collaborazione con Etérnit
con: Mariateresa Pascale
aiuto regia: Ida Vinella
drammaturgia e regia: Eduardo Ricciardelli

Durata: 20 minuti circa / Orari: 22:30 – 23:40

teatro-Le-voci-di-Gio-Foto-di-Giulia-Sucapane

foto Giulia Sucapane

La travagliata stori della pulzelle de Orleans. Donna, guerriera e santa. Giovanna D’arco si distingue in vita per la sua tenacia e arguzia, ma il suo spirito guerriero è guidato da voci che oltre ad indirizzarla nel cammino della battaglia la tormentano. Un corpo sulla scena anima una vicenda appassionante e controversa che si snoda in un mondo di suoni, azioni e parole. Le voci create come suoni provenienti da diverse culture, fanno da sfondo alle diverse lingue e ai vari scioglilingua che accompagnano un racconto atroce e grottesco, fatto di paure e gioco.

ESPERIMENTI IN LOOP

di e con Daniele Parisi

Durata: 20 minuti circa / Orari: 21:45 – 23:00

Daniele-Parisi---Foto-di-Marco-Abati

foto Marco Abati

La coerenza di Robertina la rende crudele non solo perché costringe Michelino ad andare sui pattini. Tutti i bambini sono coerenti. Certi rasentano, loro malgrado, una certa disumanità.
Una donna fa fitness per dare un senso alla propria esistenza. A Piero dopo il trasloco non va giù l’idea dello strofinaccio. Un uomo combatte con se stesso per controllare il proprio regime alimentare. L’alitosi rende qualcuno tremendamente solo. Gli intrecci amorosi di Susanna coinvolgono le turbe di Tiziano, passando per le pratiche sessuali di Luigino la merda. Pina non comprende la vecchiaia di Gaudenzio.

LE FAREMO SAPERE

di e con Emiliano Valente

Durata: 20 minuti circa / Orari: 22:30 – 23:40

emiliano-valente

“A volte uno si crede incompleto ed è soltanto giovane”, scriveva Calvino. Davanti alla sua torta di compleanno, un ragazzo si rende conto invece per la prima volta di stare invecchiando e che il tempo di trovare una stabilità è inesorabilmente arrivato. Lui come tanti altri, nonostante gli sforzi, non riesce proprio in nessun modo a costruirsi una certezza. Dal giorno dopo passa il tempo tra agenzie del lavoro pubbliche e private, accetta lavori assurdi e sottopagati, non riesce a restare nello stesso posto per più di 6 mesi, ma non si lamenta, prova ad accettare l’idea di precariato, fino al punto di sentirsi lui il colpevole di tutto… Abbiamo improvvisamente scoperto di essere bamboccioni, sfaticati, non disposti al sacrificio,sognatori incapaci di accontentarsi, e tutto questo lo abbiamo scoperto mentre attendevamo che qualcuno ci facesse sapere come districarci nel mondo del lavoro. Ma cosa accade veramente a chi oggi prova a cercare un’occupazione, una collocazione, un posto? Proposte economicamente oscene, lavori surreali, scenari imbarazzanti, forme di contratto impossibili solo da memorizzare, curriculum vitae pieni di esperienze formative… Il lento percorso di convincimento è in atto da tempo, devi sentirti tu il colpevole se non riesci a trovare soddisfazioni lavorative, sei tu che non sei in grado di adeguarti, sei tu che non comprendi e ti barrichi dietro diritti immaginari. Perché forse in fondo uno a volte si sente giovane ma è soltanto incompleto.

PENELOPE E ULISSE. DIALOGO DELL’ATTESA E DEL RITORNO

una produzione: AREA BROCA
di e con Pino Carbone e Anna Carla Broegg

Durata: 20 muniti circa / Orari: 21: 50 – 23:15

I due si incontrano finalmente al tavolino dove si erano dati appuntamento vent’anni prima.
Nel sedersi si guardano a lungo, in silenzio, sanno di doversi affrontare. Si sorridono, ma sono imbarazzati e stanchi. Lei spegne la sigaretta, lui l’accende, entrambi compiono il gesto perfetto come conclusione delle loro storie. Storie simili ma anche profondamente diverse, opposte, come il loro gesto. Ognuno di loro porta dentro la propria odissea. Penelope quella dell’attesa, Ulisse quella del ritorno. È un gesto conclusivo ma anche un gesto iniziale. Sanno di doversi confrontare. Sanno di dover spegnere le luci del mito e di dover accendere quelle di un affare privato. Ora sono un uomo e una donna, una coppia, nell’intimità di un tavolino apparecchiato per la cena. Sia i due personaggi che i due attori non sanno di cosa parleranno, ma ognuno porterà al centro dell’incontro i propri sentimenti, i propri racconti e le proprie motivazioni. Le stesse motivazioni che li hanno tenuti lontani per vent’anni.
Un lungo dialogo improvvisato, che ha inizio in quell’ incontro tanto atteso da una parte e cercato dall’altra e, si svolge nella circostanza intima e quotidiana di una cena.
La relazione come punto di inizio e centro, il dialogo come movimento, l’incontro come momento.
Il pubblico potrà assistere, ascoltare, spiare tutto il tempo che riterrà necessario, potrà avvicinarsi, seguire da lontano o ignorarli del tutto, come accade quando una coppia qualunque è nel bel mezzo di una discussione per la strada. Il dialogo continuerà a prescindere.

CIRCO E SPETTACOLI DI STRADA
le performance dureranno 20 minuti circa, si svolgeranno tra i vicoli e le piazze del borgo e replicheranno almeno due volte nel corso della serata

LE LAPILLE in “L’ORA DEL THE”

in co-produzione e sostenuto da: Mirabilia Festival
di e con: Valeria Di Felice, Sara Di Salvo, Teodora Grano, Emanuela Vitale

Durata: 25 minuti circa / Orari: 21:00 – 23:45

Le-Lapillefoto Daniele Moreschini

foto Daniele Moreschini

Niandra, Tully, Judith e Ninetta, complici e briose, invitano il pubblico alla loro incredibile Ora del Thè. Un thè infuocato, comico, disastroso che arriva direttamente dai favolosi anni ’50!
Gli spettatori finiscono coinvolti in giochi maliziosi, guai e… fiamme. Brio, disastri e la magia dell’inaspettato! Non agitare prima dell’uso: Le Lapille Fan Scintille!

IL MAESTRA E LE MARGHERITE in I TAROCCHI DELLA QUINTA DIMENSIONE

Performance per uno spettatore alla volta. Dalle 21:00 fino alle 00:00.

Il-maestra-e-le-margherite

I tarocchi della quinta dimensione. Tra Arcani e mito, delle misteriose figure si aggireranno tra i vicoli e nei cortili, coinvolgendo il pubblico in un gioco divertente, in cui l’interpretazione delle carte disvela presente, passato e futuro, in una maniera completamente inaspettata e insolita.
Protagonisti saranno “Il Maestra” e le “Margherite” che si avvarranno anche della preziosa collaborazione del “Bagascio”, figura determinante nella risoluzione dei misteri legati al mondo degli Arcani della Festa.
Direttamente da Castellammare di San Pietroburgo, il Maestra e le Margherite saranno a Lunarte per predire il vostro futuro prossimo, molto prossimo…Cosa c’è in serbo per voi? Venite a scoprirlo!

MUSICA
tre live di circa 20 minuti che replicheranno due volte nei cortili e un concerto di chiusura sul palco, seguito da un dj set

GIANLUCA SECCO

Durata: 20 minuti circa / Orari: 22: 30 – 23 40

gianluca-secco

foto Giorgia Rubini

Gianluca Secco presenta una performance/concerto tratta dal suo lavoro discografico “Immobile”. Un lavoro ideato, realizzato e plasmato sulla voce, utilizzata in modi differenti tra narrazione, parti solistiche, corali e percussive, in cui si mescolano elementi di musica, poesia, teatro e canzone. Utilizzando fino a 21 parti vocali per uno stesso brano, “Immobile” è un lavoro che va alla ricerca del tratto distintivo dell’autenticità, lontano dalla perfezione tecnica in quanto ricerca di espressione della voce sul piano timbrico, strumentale ed espressivo.
Un album composto da dieci tracce dai titoli chiari, diretti, espliciti, in cui l’idea è quella di creare una doppia anima, quasi fosse un LP, ciascuno con le proprie atmosfere.

CAMERA

Durata: 20 minuti circa / Orari: 22: 30 – 23 40

camera

foto Mena Rota

I Camera, progetto che vede la collaborazione tra i musicisti Agostino Pagliaro, Marco Pagliaro, Antonio Arcieri e Luigi Morra, regista e attore teatrale, presentano una versione live delle musiche realizzate per lo spettacolo TVATT. I brani, riarrangiati, rievocano atmosfere e momenti sonori della piece.
L’utilizzo di archi gravi, una line-up percussiva composta da tamburi etnici e pad acustici, pianoforti e synth, caratterizzano il concerto, che diventa una performance basata su un rapporto stretto tra il suono e la poetica di TVATT, attraversata da piccole incursioni registrate degli attori Luigi Morra, Eduardo Ricciardelli e Pasquale Passaretti.

FICUFRESCHE

Durata: 20 minuti circa / Orari: 21:45 – 23 :00

foto Angela Sorrentino

foto Angela Sorrentino

Immacolata Argiento e Maura Sciullo evocano attraverso un’attenta e diretta ricerca le antiche tradizioni musicali del territorio delle “Toraglie”, un’area che si estende sulla collina a nord di Sessa Aurunca e comprende numerose e piccole frazioni in cui la vita contadina è ancora molto presente, ma molte tradizioni si stanno estinguendo; ne fanno tesoro poche anziane signore che rappresentano un ricco e prezioso patrimonio culturale. Le Ficufresche si sono inserite nel mondo contadino femminile cercando di carpirne i canti, le tradizioni e l’antico sapere, attraverso una ricerca che continua tutt’oggi con l’intento di riproporre i canti attraverso una rielaborazione personale lasciandoli, però, il più possibile nella loro originalità in modo da non spezzare il filo che unisce le donne del passato a quelle del presente.

VEEBLEFETZER

Concerto di chiusura / Start: 00:15

VEEBLEFETZER

In chiusura del Festival, il quartetto romano è lieto di presentare sul palco di Lunarte il primo lavoro discografico. ‘No Magic No Bullet’ è uscito l’8 Maggio su per Goodfellas / Fleisch anticipato dal videoclip di ‘Money Comes Money Goes’, già video della settimana su Rockit.it. Registrato in analogico su nastro al Sud Est Studio [Guagnano, LE], mixato al Gas Vintage Studio [Roma] da Daniele Gennaretti e masterizzato al Reference Studio [Roma] da Fabrizio De Carolis. La coproduzione artistica è stata affidata a Sante Rutigliano (Thee Elephant e Oh Petroleum). No Magic No Bullet è un disco che espone un mondo sonoro difficilmente collocabile in precise etichette ma che è riconoscibile nelle sue caratteristiche, dagli strumenti a fiato al tam tam ritmico della giungla metropolitana, a tratti festoso come un carnevale a tratti immaginifico come un racconto di viaggio. Buona parte dei testi sono nati viaggiando, versi che parlano di tumulti e stortezze della vita, storie di orizzonti e paesaggi, di ricordi e cambiamenti, di ambizioni e delusioni.

MONDO CANE DjSet

Start: dopo il concerto

mondo-cane

A seguire il concerto Mondo Cane Djset! Un fritto misto di sonorità provenienti dai quattro angoli della terra, selezioni multivitaminiche con lo zaino in spalla all’insegna del Global Beat!.

MOSTRE, INSTALLAZIONI E ALTRI PROGETTI
lungo il percorso tra vicoli e cortili. Dalle 20:00 fino a chiusura

CRACK! presenta: SOLDI SPORCHI

soldi sporchi

Riciclate lavate e asciugate in mostra le banconote di 80 artisti dell’undicesima edizione di CRACK! Festival di Fumetto e di Arte Disegnata e Stampata.

RAPSODIA rivista letteraria indipendente

rapsodia

Dopo nove edizioni on-line, in occasione della nona edizione del festival “Lunarte”, Rapsodia si propone per la prima volta in veste cartacea, a tiratura limitata.

ASSOCIAZIONE AMICI DELLA BIBLIOTECA DI CARINOLA

aabc

L’associazione AA BC in occasione di Lunarte presenta due mostre/installazioni: UCCIDIAMO IL CHIARO DI LUNA (futurismo e oltre) / PER MANGIARTI MEGLIO (illustriazioni di sesso consapevole a cura di Stefania Vian)

locandina

art: Bambi Kramer / design: Lumant Studio